Health

Pappagalli e coccidi

Rate this item
(0 votes)

La Coccidiosi: Prevenzione e Cure

Eccoci ad un nuovo articolo molto richiesto dai miei amici di Facebook. Ho aiutato a prevenire la Coccidiosi a molti vostri volatili quindi vorrei parlarvi di questa malattia molto frequente, e soprattutto vorrei illustrarvi come evitarla con un semplice trattamento due volte l'anno.


Cosa è la Coccidiosi?

Innanzitutto cosa è la Coccidiosi? I Coccidi sono dei parassiti “Protozoi” che vengono solitamente ingeriti o presi stando al contatto con le feci infette e provoncano forti infiammazioni del tratto intestinale, dove il parassita si riproduce penetrando nelle cellule. I sintomi possono essere enteriti, feci molto liquide e con presenza di sangue in specie come i canarini, ventre gonfio, esemplare che si isola dagli altri. Molti uccelli hanno già i Coccidi nel loro sistema, ma non hanno alcun sintomo perché entro certi limiti e in buona efficienza del sistema immunitario non sono un problema, ma in caso di stress, mancanza di pulizia della gabbia e dei fondi, cambi bruschi di alimentazione, di luogo o di temperatura, ovvero le cause più comuni per il quale può "scoppiare" la coccidiosi, questi parassiti possono prendere il sopravvento aumentando e determinando i sintomi.


Come posso prevenirla?

Preveniamo un attacco di Coccidiosi con una scrupolosa igiene delle gabbie specie le griglie, da pulire con una spazzola di ferro al massimo ogni tre-quattro giorni, si raccomanda di eliminare i residui nel locale dove alloggiano i volatili. La presenza di Coccidi diminuisce con l'arrivare delle temperature calde, infatti i Coccidi iniziano la loro comparsa con l'arrivo delle temperature fredde e dell'umidità.
Possiamo prevenire la Coccidiosi facendo due o tre trattamenti all'anno con i "coccìdiostatici", che non eliminano i batteri ma li "frenano" riducendone il numero. i farmaci sono il Disulfa o il Coccidiol. Io eseguo questo trattamento a scopo del tutto preventivo prima delle cove. Altro metodo del tutto naturale è quello dell'aceto di mele nel dosaggio di 3 ml in 1 litro di acqua, per 1-2 giorni a settimana per regolarizzare la flora intestinale, usato anche per eventuali presenze di bolle d'aria.


Quali sono le cure farmaceutiche e l'esame veterinario?

La cura farmaceutica si effettua con Sulfamidici o Sulfamidici combinati con altri farmaci, metronidazolo o clortetraciclina cloridrato a cui si associa una terapia collaterale con soluzioni nutritive, reidratanti, ecc.
È bene isolare immediatamente il soggetto che presenta i sintomi che abbiamo citato, e portarlo dal veterinario per un esame approfondito poiché i coccidi sono invisibili a occhio nudo, e l'unico modo per diagnosticarli è eseguire un esame microscopico delle feci, un tipo di test molto importante in ogni caso di diarrea per determinare con precisione se si tratta di Coccidiosi.
Nei casi più gravi il medico veterinario consiglia l'uso del Baycox ( farmaco veterinario molto costoso e con obbligo di ricetta medica veterinaria ), 4 gocce in 100 cc di acqua per tre giorni, due di riposo e poi altri tre giorni di Baycox, dopo la terapia sette giorni di vitamina K seguito da sette giorni da un epatoprotettore, ottimo il DE-TOX della ditta Pagnini.


Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla Pagina Facebook e sul Profilo Twitter... vienici a trovare!